gli allievi del corso con i formatori
Corsi Serali,News

formazione professionale salesiana: corso di collaboratore di cucina

21.07.2016

Collaboratore di cucina: gli esami di qualifica.

20160614_122615

20160613_182138

alcuni piatti preparati dagli allievi

Il corso di formazione professionale si è svolto al CNOS-FAP di Vigliano Biellese: il centro di formazione professionale dei Salesiani che da molti anni è conosciuto sia per le attività formative a favore dei giovani in uscita dalla ” terza media”, sia per quelle a favore degli adulti. Uno dei punti di forza di questo cfp è stato quello di dialogare con il territorio grazie alla creatività e l’operosità del personale ed in questi ultimi 20 anni si è consolidato un modello formativo che ha permesso anche ad utenti che devono ricollocarsi nel mondo del lavoro o aggiornare le proprie competenze, di trovare la giusta offerta formativa, mantenendo sempre la tradizione salesiana nell’attenzione e accoglienza dell’allievo e nella preparazione tecnica dei formatori in officine e laboratori attrezzati al passo con i tempi.20160613_181002

Proprio in questo contesto ha trovato spazio un progetto nel settore della ristorazione che ha permesso ad 11 allievi di conseguire la qualifica professionale, dopo avere affrontato un percorso in cui sono state valorizzate le competenze dei singoli allievi per il riconoscimento dei crediti che ha permesso loro di partecipare all’esame di qualifica regionale e conseguire il titolo di studio conseguente. Cosa che tutti ed 11 hanno fatto brillantemente per cui si potranno fregiare di essere Collaboratori di cucina.

Dopo aver affrontato i quattro moduli serali, “HACCP e sicurezza sul lavoro – Cucina” (27 ore); “Ristorazione – Tecniche cucina base” (50 ore); “Ristorazione – Tecniche pasticceria da ristorazione” (50 ore); “Ristorazione – Tecniche cucina avanzate” (50 ore), hanno potuto accedere all’ultimo modulo serale “Collaboratore di cucina” (23 ore) e, lunedì 13 e martedì 14 giugno scorso, hanno svolto l’esame di qualifica come previsto per un normale corsista, superandolo brillantemente.

20160613_184403

dopo aver cucinato si assaggia!

L’unicità di questo percorso è il conseguimento della qualifica, partendo ciascuno da percorsi diversi, frequentando i corsi serali, ciascuno dei quali rilascia l’Attestato di frequenza con profitto. Il servizio che un CFP può erogare a favore del riconoscimento dei crediti formali ed informali, ha fatto il resto ricostruendo il Curriculum professionale fino a giungere all’ammissione all’esame di qualifica.

20160613_181051

con le mani in pasta!

Al termine alcuni di loro ci hanno voluto lasciare una considerazione perché partecipare ai corsi serali ha richiesto impegno e tenacia, tenendo conto degli altri impegni giornalieri:

– Ritengo che l’intero corso formativo sia stata un’opportunità davvero importante di crescita.

– il Corso è stato molto utile, spero possa essere ripetuto a breve per crescere ulteriormente. Ottima organizzazione, docenti disponibili, ambiente confortevole e clima disteso e accogliente. (Mario)

– Questo corso mi è stato molto utile per conoscere nuove informazioni specifiche grazie agli argomenti trattati. Sono rimasta molto soddisfatta per il clima di cordialità e collaborazione che si è instaurato all’interno del corso. (Concetta)

– Il corso è stato un successo grazie anche e soprattutto alla professionalità dei docenti dell’Istituto Alberghiero di Trivero Alfio Gangarossa e Roberto Callegari che da anni collaborano con noi e fanno sì che i corsi di cucina abbiano sempre un grande seguito.

 

Concetta e Mario dicono ci hanno addirittura inviato un loro scritto:

<Perché ci si iscrive ad un corso di cucina? I motivi possono essere diversi, ma in genere la motivazione principale è quella di conseguire un titolo spendibile in modo concreto. A tal proposito l’opportunità è stata offerta dai corsi serali organizzati dalla Provincia di Biella presso il CNOS-FAP di Vigliano Biellese ed iniziati almeno cinque anni fa con un’ampia scelta di argomenti e tecniche specifiche.

Già dai primi corsi si è notato molto entusiasmo da parte degli allievi insieme con i docenti, che con la loro preparazione e serietà professionale hanno reso interessanti gli argomenti proposti coinvolgendo attivamente gli apprendisti, mettendoli a proprio agio e creando così un clima gradevole.

Poi finalmente quest’anno è stato organizzato un corso particolarmente specifico e formativo, quello di “Collaboratore di Cucina”, con la prospettiva di poter utilizzare il titolo conseguito per opportunità pratiche, tanto più valide in questi tempi di crisi. Per accedere a tale corso, inoltre, bisognava avere un “curriculum” di tutto rispetto e avere svolto numerose ore sul campo.

Ci siamo ritrovati così un piccolo gruppo selezionato, in possesso dei requisiti e con una forte motivazione. E questo è stato veramente un corso “speciale”: docenti ed allievi pronti ad affrontare un’esperienza nuova, sia pure in continuità con tutti i corsi svolti in precedenza (cucina, pasticceria, HACCP e sicurezza – Cucina). Sicuramente è stato molto impegnativo per i professori che hanno dovuto “formare” tutti noi allievi secondo un progetto specifico per farci giungere preparati alla prova finale, ma l’obiettivo è stato raggiunto perché alla fine: tutti promossi!

È stata un’esperienza interessante, molto positiva tra di noi allievi che abbiamo socializzato e ci siamo scambiati i numeri di telefono per tenerci in contatto anche in seguito. Al benessere di noi tutti ha contribuito anche la sede formativa, accogliente, confortevole e perfettamente idonea allo scopo.

Un grazie sincero a tutti coloro che hanno contribuito a far sì che ciò si realizzasse e ai formatori, esperti professionisti, per la loro pazienza.>

Anche il Presidente di Commissione ha voluto esprimere il suo parere:

“Vorrei sottolineare in primis la scelta oculata del percorso formativo che ha portato gli utenti alla qualifica. Mi fa piacere constatare la giusta impostazione didattica del progetto che teneva conto del percorso fatto da ciascun allievo che ha permesso di suscitare il massimo interesse negli allievi, a cui è seguita una buona preparazione che ha portato a risultati eccellenti. Mi piace ricordare la presentazione finale delle succulente portate, dall’antipasto al dessert:  qui il gruppo di allievi ha mostrato di essere un team di alto livello ben guidato da chef stellati. I risultati raggiunti sono il frutto, inoltre, della puntuale organizzazione del Cnos Fap.”

Questo è il link che porta al nostro sito con i corsi a libero mercato, così anche altri potranno provarci:

Corsi a Libero Mercato

Valeria Dalle Rive